Affari internazionali in Asia: firmato il Regional Comprehensive Economic Partnership

Dopo quasi dieci anni di trattative, il 15 novembre 2020 è stato firmato dai leader di 15 Paesi del sud-est asiatico il Regional Comprehensive Economic Partnership (RCEP), un’alleanza commerciale del valore di 26.200 miliardi di dollari all’anno.

Sebbene inizialmente i Paesi dovevano essere 16, in un secondo momento – e dopo sette anni di negoziati – l’India, come già anticipato in altre news su questo blog, ha deciso di non aderire all’accordo per ragioni puramente economiche (principalmente teme una “invasione” di prodotti cinesi a basso costo e di prodotti australiani a danno dei produttori locali).

I Paesi che hanno aderito al RCEP sono dunque i dieci membri dell’ASEAN (Brunei, Cambogia, Indonesia, Laos, Malesia, Birmania, Filippine, Singapore, Thailandia e Vietnam), oltre a Cina, Giappone, Corea del Sud, Australia e Nuova Zelanda.

Data la partecipazione dei maggiori Paesi in via di sviluppo (i quali comprendono circa il 30% del PIL e della popolazione mondiali) il RCEP è destinato a diventare il più grande accordo di libero scambio al mondo.

Queste le principali previsioni dell’accordo:

eliminazione dei dazi per il 65% delle merci importate ed esportate all’interno della regione (l’intenzione è di ridurre del 90% le tariffe doganali tra Paesi membri nell’arco di 20 anni);

– previsione di una disciplina unitaria all’interno dei Paesi membri per quanto riguarda importanti settori quali commercio internazionale e telecomunicazioni, ma anche commercio elettronico e diritto d’autore;

– superamento dei limiti imposti agli accordi di libero scambio bilaterali già esistenti tra Paesi dell’area (si pensi alle “regole di origine”, in base alle quali, ad esempio, un prodotto realizzato in un determinato Paese dell’ASEAN che contiene parti di altro Paese non ASEAN potrebbe essere soggetto a dazi aggiuntivi). In altre parole, ora un produttore di un Paese firmatario del RCEP può commerciare liberamente con tutti gli altri 14 Paesi dell’accordo.

In termini pratici, per le imprese italiane ed europee in generale, tale accordo rappresenta poi un’ottima occasione per implementare gli scambi, dato il crescente trend delle esportazioni di prodotti europei verso molti dei Paesi RCEP (si pensi ai vari accordi di partenariato economico conclusi dall’Ue con Giappone, Singapore e Vietnam, oltre all’intensa attività di negoziazione con la Cina per la tutela reciproca di prodotti locali).

Marcello Mantelli
Avvocato in Milano e Torino

#affariinternazionali #accordoRCEP #regionalcomprehensiveeconomicpartnership #ASEAN #commerciointernazionale

Condividi su:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Marcello

Temo che lei non abbia inquadrato correttamente la questione dal punto di vista giuridico.Saremo lieti di fornirle un preventivo per erogare una consulenza alla luce dell'esame del contratto, della corrispondenza intercorsa e della legge applicabile.Nel caso intenda richiedere un preventivo può scrivere a [email protected] esponendo i suoi quesiti. cordiali saluti

VAI AL COMMENTO
gabriele

per quanto riguarda i 3 months notice ricevuta (avevo chiesto 6 mesi di preavviso, essendo agente esclusivo per l'Italia da 18 anni)mi e' stata negata, nonostante anche l'Inghilterra abbia sottofirmato gli accordi Europei, mi hanno risposto che fa fede la corte inglese che prevede comunque non piu' di 3 mesi. Mi vedo costretto ad accettare, non potendo chiaramente accollarmi delle spese di un legale che operi in Inghilterra. Ma quello che desidero essere certo,e' che con la data della notifica di disdetta inviatami, sia certo che io sono loro agente x i tre mesi rimanenti e la mandante non puo'personalmente o con un nuovo agente operare sul territorio Italiano prima dello scadere dei 3 mesi. Ad esempio ,contattare i miei clienti e programmare una campagna vendite.

VAI AL COMMENTO
Marcello

La risposta precedente era generica e a titolo di cortesia. Come potrà comprendere non possiamo fornire una consulenza senza aver studiato il caso.

VAI AL COMMENTO
gabriele

Quindi, se io non accetto una dilazione dell'indennita' dovuta ed accettata , la legge inglese prevede che la mandante mi debba liquidare in un'unica soluzione?

VAI AL COMMENTO
Marcello

Buongiorno, in linea di principio il pagamento dell'indennità, se legalmente dovuta, dovrebbe essere effettuato in un' unica soluzione ma le parti possono concordare diversamente. cordiali saluti Marcello Mantelli

VAI AL COMMENTO

Seguici su