Arbitrato internazionale Iraq: firmata la Convenzione delle Nazioni Unite sul riconoscimento e l’esecuzione dei lodi arbitrali stranieri (New York, 1958)

Luca Davini
Avvocato in Milano e Torino

Dopo anni di dibattiti, il 31 maggio 2021 il parlamento iracheno ha approvato la legge sull’adesione della Repubblica dell’Iraq alla Convenzione delle Nazioni Unite sul riconoscimento e l’esecuzione dei lodi arbitrali stranieri (New York, 1958).

In questo modo, l’Iraq diventa il 168° Stato a prendere parte alla Convenzione (di cui fanno già parte diversi Paesi con questo confinanti, quali ad esempio Iran, Emirati Arabi Uniti e Arabia Saudita).

Grazie a tale adesione, una volta ottenuto il lodo arbitrale, si potrà quindi procedere al riconoscimento dello stesso a livello internazionale e, di conseguenza, all’esecuzione nei confronti della parte soccombente in tutti i Paesi parte della Convenzione.

Prima di ratificare la Convenzione, a livello nazionale i tribunali iracheni avevano tentato di apportare delle modifiche al sistema interno, emanando in varie occasioni decisioni volte ad introdurre un maggior richiamo alle prassi e alle convenzioni internazionali in materia di arbitrato internazionale.

A titolo di esempio, nel caso “Iraqi Ministry of Finance v Fincantieri-Cantieri Navali Italian SpA” (Case No. 288/B/2011), il tribunale commerciale di Baghdad riscontrava poca chiarezza e un’eccessiva arretratezza nella legge irachena in materia di arbitrato.

Per tale ragione, in quell’occasione il Tribunale adito (con successiva conferma da parte della Corte di Cassazione irachena) aveva optato per l’applicazione del modello fornito dal Regolamento UNCITRAL sull’arbitrato commerciale internazionale e la Convenzione di New York, nonostante nessuno dei due trovasse applicazione in Iraq.

Da oggi, quindi, con la firma della Convenzione, coloro che decideranno di fare affari con partners iracheni ben potranno valutare di prevedere l’arbitrato quale metodo di risoluzione delle controversie in caso di contenzioso, in alternativa al giudice nazionale.

Al contrario, infatti, se il Paese in cui si chiede il riconoscimento non è firmatario della Convenzione vi è un grande rischio di aver sopportato i costi di un arbitrato senza poi poter in concreto far valere le proprie pretese, in quanto difficilmente il lodo favorevole sarà riconosciuto in quel Paese (e quindi non ci si potrà rivalere sui beni del debitore, ad esempio pignorando conti correnti o immobili). 

Si segnala inoltre che nel 2016 l’Iraq ha firmato anche la Convenzione di Washington del 1965 sulle controversie relative ad investimenti esteri. Di conseguenza, l’ordinamento iracheno ad oggi si conforma e segue le regole previste dalla Convenzione, istitutive di un meccanismo di arbitrato internazionale per la risoluzione delle controversie tra investitore e stato ospite dell’investimento.

Per ulteriori approfondimenti in materia di arbitrato internazionale, si rimanda al decalogo presente su questo blog.

#arbitratointernazionale #arbitratoIraq #arbitratocommerciale #focusIraq #internationalarbitration #risoluzionecontroversie #disputeresolution #internationallitigation #contrattiinternazionali #contenziosointernazionale #venditainternazionale #distribuzioneinternazionale #affariinternazionali

Condividi su:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Marcello

Temo che lei non abbia inquadrato correttamente la questione dal punto di vista giuridico.Saremo lieti di fornirle un preventivo per erogare una consulenza alla luce dell'esame del contratto, della corrispondenza intercorsa e della legge applicabile.Nel caso intenda richiedere un preventivo può scrivere a [email protected] esponendo i suoi quesiti. cordiali saluti

VAI AL COMMENTO
gabriele

per quanto riguarda i 3 months notice ricevuta (avevo chiesto 6 mesi di preavviso, essendo agente esclusivo per l'Italia da 18 anni)mi e' stata negata, nonostante anche l'Inghilterra abbia sottofirmato gli accordi Europei, mi hanno risposto che fa fede la corte inglese che prevede comunque non piu' di 3 mesi. Mi vedo costretto ad accettare, non potendo chiaramente accollarmi delle spese di un legale che operi in Inghilterra. Ma quello che desidero essere certo,e' che con la data della notifica di disdetta inviatami, sia certo che io sono loro agente x i tre mesi rimanenti e la mandante non puo'personalmente o con un nuovo agente operare sul territorio Italiano prima dello scadere dei 3 mesi. Ad esempio ,contattare i miei clienti e programmare una campagna vendite.

VAI AL COMMENTO
Marcello

La risposta precedente era generica e a titolo di cortesia. Come potrà comprendere non possiamo fornire una consulenza senza aver studiato il caso.

VAI AL COMMENTO
gabriele

Quindi, se io non accetto una dilazione dell'indennita' dovuta ed accettata , la legge inglese prevede che la mandante mi debba liquidare in un'unica soluzione?

VAI AL COMMENTO
Marcello

Buongiorno, in linea di principio il pagamento dell'indennità, se legalmente dovuta, dovrebbe essere effettuato in un' unica soluzione ma le parti possono concordare diversamente. cordiali saluti Marcello Mantelli

VAI AL COMMENTO

Seguici su