Brexit e contratti commerciali: quali sono le principali novità?

Luca Davini
Avvocato in Milano e Torino

Come già analizzato su questo blog, diversi sono gli effetti della Brexit sugli accordi commerciali tra imprese. Dopo aver analizzato l’impatto sulla supply chain, oggi il focus è nello specifico sui contratti commerciali.

L’Italian Trade Agency è intervenuta al riguardo, fornendo un elenco di quelle che sono le principali “aree di rischio” alle quali prestare attenzione nel concludere contratti con controparti inglesi o nel rivedere quelli già esistenti.

Aumento delle barriere commerciali e fluttuazioni valutarie

La Brexit determinerà quasi certamente un aumento delle barriere commerciali, di conseguenza diventerà necessario instaurare controlli doganali per le merci in transito tra UK e Ue. Tale circostanza determinerà necessariamente ritardi e un aumento dei costi per le imprese che operano con il Regno Unito.

In tal senso, risulta importante valutare l’impatto commerciale che tali ritardi avranno sugli accordi conclusi con imprese inglesi ed eventualmente rinegoziare alcune disposizioni in materia (ad esempio, è verosimile che negli accordi futuri un’impresa italiana che esporta merce nel Regno Unito aumenterà il prezzo dei materiali per adeguarsi ad eventuali dazi e tariffe).

Da non sottovalutare inoltre le possibili fluttuazioni che la sterlina subirà nei prossimi mesi, di conseguenza nei nuovi contratti – e, se possibile, anche in quelli esistenti – sarà opportuno considerare la gestione del rischio di tali future variazioni di valore.

Legge applicabile e foro competente

Per quanto riguarda il diritto contrattuale inglese, va detto che questo non dovrebbe essere influenzato dalla Brexit, con la conseguenza che i rapporti in corso che prevedono quale legge applicabile o quale foro competente quello inglese, non dovrebbero subire importanti variazioni.

Tuttavia, le aziende dovrebbero valutare attentamente come eventuali futuri cambiamenti di legge vengono attualmente regolati dagli accordi esistenti, e dunque come regolarli nei rapporti futuri.

A titolo di esempio, l’Italian Trade Agency prospetta la possibilità di inserire all’interno degli accordi delle clausole specifiche – c.d. clausole Brexit attraverso le quali prevedere l’attivazione automatica di determinati diritti ed obblighi per le parti nel caso in cui si realizzino determinate circostanze (quali ad esempio un cambio di legge applicabile al contratto, o l’inserimento di nuovi dazi e tariffe che vadano a modificare l’equilibrio contrattuale).

In conclusione, per le aziende italiane che abbiano rapporti contrattuali in corso con partner inglesi, sarà fondamentale nei prossimi mesi condurre una revisione dei contratti esistenti e predisporre in maniera accorta i contratti futuri, tenendo in considerazione in particolare come la Brexit influenzerà i rapporti commerciali in corso e dunque intervenendo con le dovute rinegoziazioni e/o modifiche degli stessi.

#Brexit #accordoUeUK #contratticommerciali #contrattiinternazionali #affariinternazionali #venditainternazionale #distribuzioneinternazionale

Condividi su:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Marcello

Temo che lei non abbia inquadrato correttamente la questione dal punto di vista giuridico.Saremo lieti di fornirle un preventivo per erogare una consulenza alla luce dell'esame del contratto, della corrispondenza intercorsa e della legge applicabile.Nel caso intenda richiedere un preventivo può scrivere a [email protected] esponendo i suoi quesiti. cordiali saluti

VAI AL COMMENTO
gabriele

per quanto riguarda i 3 months notice ricevuta (avevo chiesto 6 mesi di preavviso, essendo agente esclusivo per l'Italia da 18 anni)mi e' stata negata, nonostante anche l'Inghilterra abbia sottofirmato gli accordi Europei, mi hanno risposto che fa fede la corte inglese che prevede comunque non piu' di 3 mesi. Mi vedo costretto ad accettare, non potendo chiaramente accollarmi delle spese di un legale che operi in Inghilterra. Ma quello che desidero essere certo,e' che con la data della notifica di disdetta inviatami, sia certo che io sono loro agente x i tre mesi rimanenti e la mandante non puo'personalmente o con un nuovo agente operare sul territorio Italiano prima dello scadere dei 3 mesi. Ad esempio ,contattare i miei clienti e programmare una campagna vendite.

VAI AL COMMENTO
Marcello

La risposta precedente era generica e a titolo di cortesia. Come potrà comprendere non possiamo fornire una consulenza senza aver studiato il caso.

VAI AL COMMENTO
gabriele

Quindi, se io non accetto una dilazione dell'indennita' dovuta ed accettata , la legge inglese prevede che la mandante mi debba liquidare in un'unica soluzione?

VAI AL COMMENTO
Marcello

Buongiorno, in linea di principio il pagamento dell'indennità, se legalmente dovuta, dovrebbe essere effettuato in un' unica soluzione ma le parti possono concordare diversamente. cordiali saluti Marcello Mantelli

VAI AL COMMENTO

Seguici su