Contratti di fornitura di software : risoluzione per inadempimento

Con una pronuncia del 2017, il Tribunale di Milano – Sezione specializzata in materia di impresa – ha fatto chiarezza sull’articolato mondo delle nuove tecnologie e, in particolare, sul contratto di fornitura, sviluppo o licenza di software.

Il caso riguarda una risoluzione per inadempimento di due contratti aventi ad oggetto, uno, la fornitura di un software grafico personalizzato da parte di una software house in favore di una società editrice, l’altro, l’implementazione della tecnologia web al fine di permettere al software sviluppato di interagire con il nuovo sito internet della società editrice. 

In particolare, da una consulenza tecnica d’ufficio informatica è emerso un errore di progettazione da parte della software house e l’assenza della manualistica tecnica (che costituisce, secondo il Tribunale, un comportamento “in contrasto con le migliori pratiche dello sviluppo e della fornitura software”). 

Inoltre, è stato accertato il mancato funzionamento di importanti implementazioni che erano state appositamente previste all’interno del contratto, unitamente ad una serie di malfunzionamenti con riferimento a diverse funzioni che il software avrebbe dovuto espletare. 

In questo senso, la pronuncia del Tribunale di Milano ha stabilito come, a prescindere dalla qualificazione del contratto, il fornitore del prodotto (in questo caso informatico) assume nei confronti del destinatario un vero e proprio obbligo di risultato. Per tale motivo, non si può considerare il rapporto tra le parti come semplice licenza d’uso del software in questione, ma si tratta viceversa di una prestazione per cui il fornitore garantisce anche un’utilità concreta per la società committente fornendo tutte le attività necessarie per l’implementazione dello stesso. 

Ne risulta che, nel caso di specie, la società informatica era tenuta a garantire un’utilità concreta alla società committente, unitamente alla corretta funzionalità del software e alla sua interazione con il sito web. 

Di conseguenza, i diversi inadempimenti della software house e i vari malfunzionamenti hanno fatto concretamente venire meno un’utilità per la società committente che era stata espressamente concordata all’ interno del contratto, con conseguente accoglimento della domanda di risoluzione del contratto presentata dalla società editrice. 

In conclusione dalla sentenza esaminata emerge che l’obbligazione che il fornitore di un software personalizzato assume nei confronti del proprio committente deve sempre consentire di attuare -in concreto- il fine perseguito dal cliente, garantendo la corrispondenza del software alle specifiche tecniche evidenziate all’ interno del contratto. 

Marcello Mantelli 
Avvocato in Milano e Torino 

#dirittonuovetecnologie #fornituradelsoftware #softwarepersonalizzato #tutelautente #risoluzionecontrattuale #forniturasoftware #licenzasoftware #svilupposoftware 

Condividi su:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Marcello

Temo che lei non abbia inquadrato correttamente la questione dal punto di vista giuridico.Saremo lieti di fornirle un preventivo per erogare una consulenza alla luce dell'esame del contratto, della corrispondenza intercorsa e della legge applicabile.Nel caso intenda richiedere un preventivo può scrivere a [email protected] esponendo i suoi quesiti. cordiali saluti

VAI AL COMMENTO
gabriele

per quanto riguarda i 3 months notice ricevuta (avevo chiesto 6 mesi di preavviso, essendo agente esclusivo per l'Italia da 18 anni)mi e' stata negata, nonostante anche l'Inghilterra abbia sottofirmato gli accordi Europei, mi hanno risposto che fa fede la corte inglese che prevede comunque non piu' di 3 mesi. Mi vedo costretto ad accettare, non potendo chiaramente accollarmi delle spese di un legale che operi in Inghilterra. Ma quello che desidero essere certo,e' che con la data della notifica di disdetta inviatami, sia certo che io sono loro agente x i tre mesi rimanenti e la mandante non puo'personalmente o con un nuovo agente operare sul territorio Italiano prima dello scadere dei 3 mesi. Ad esempio ,contattare i miei clienti e programmare una campagna vendite.

VAI AL COMMENTO
Marcello

La risposta precedente era generica e a titolo di cortesia. Come potrà comprendere non possiamo fornire una consulenza senza aver studiato il caso.

VAI AL COMMENTO
gabriele

Quindi, se io non accetto una dilazione dell'indennita' dovuta ed accettata , la legge inglese prevede che la mandante mi debba liquidare in un'unica soluzione?

VAI AL COMMENTO
Marcello

Buongiorno, in linea di principio il pagamento dell'indennità, se legalmente dovuta, dovrebbe essere effettuato in un' unica soluzione ma le parti possono concordare diversamente. cordiali saluti Marcello Mantelli

VAI AL COMMENTO

Seguici su