Contratto di vendita internazionale: quali sono i parametri di conformità della merce?

Per quanto concerne la conformità della merce nel contesto di un contratto di vendita internazionale, in primis va chiarito che, al momento della consegna, le merci devono rispecchiare le specifiche individuate contrattualmente, poiché nel caso in cui la conformità della merce ai suddetti parametri non venga rispettata, il compratore avrà il diritto di non accettare le merci.

Il suddetto diritto di non accettare le merci, previsto in favore del compratore, non è però incondizionato; infatti il compratore, per poter far valere le proprie ragioni, dovrà manifestare le proprie eccezioni nel rispetto del termine stabilito contrattualmente.

In assenza di specifiche pattuizioni sul punto, la Convenzione di Vienna del 1980 sui contratti di vendita internazionale di merci, stabilisce che il venditore debba assicurare:
– la conformità quantitativa
– la conformità qualitativa
– la conformità al tipo di merce fornita
– la conformità dell’imballaggio.

Contestualmente a quanto sopra, il venditore deve inoltre prestare una serie di garanzie, mutuate in larga parte dalla prassi del commercio anglosassone.

In particolare, il venditore dovrà garantire:
– la merchantable quality, che consiste nell’idoneità della merce all’utilizzo al quale di regola la merce di tale natura viene adibita;
– il fit for purpose, ovvero l’idoneità della merce all’uso al quale il compratore intende adibirla, qualora detto uso sia noto oppure conoscibile al venditore;
– l’utilizzo di un imballaggio o in generale di un confezionamento che sia conforme a quello abitualmente utilizzato per la merce di tale natura.

Un altro aspetto da tenere in grande considerazione consiste nelle modalità di denuncia dei vizi di conformità rilevati dal compratore successivamente alla consegna della merce: la denuncia dovrà infatti avvenire entro un determinato periodo di tempo decorrente dalla consegna medesima, nel caso di vizi apparenti, ovvero dalla loro scoperta, nel caso di vizi occulti.

Anche a questo riguardo, sarà fondamentale definire nel testo contrattuale termini e modalità precise per l’esercizio da parte del compratore del proprio diritto alla garanzia: sul punto la Convenzione di Vienna, in assenza di specifici accordi contrattuali, indica, quale parametro per individuare detti termini, la ragionevolezza.

Sulla base di tale parametro, la durata della garanzia offerta dal venditore al compratore può spostarsi rispetto al momento della consegna della merce, soprattutto con riferimento a merce fornita imballata oppure in stock, allo scopo di programmare le esigenze produttive del compratore, laddove la non conformità potrà essere rilevata solo al momento dell’utilizzo ovvero del consumo della merce.

Ciò ovviamente in base alla natura del difetto di conformità che potrà essere di immediata rivelabilità (ad esempio mancanza di merce) oppure occulto (ad esempio vino fornito non conforme ai parametri); a seconda del caso – vizio apparente o occulto – decorrerà il termine per la denuncia del difetto.

Luca Davini
Avvocato in Milano e Torino

Condividi su:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Marcello

Temo che lei non abbia inquadrato correttamente la questione dal punto di vista giuridico.Saremo lieti di fornirle un preventivo per erogare una consulenza alla luce dell'esame del contratto, della corrispondenza intercorsa e della legge applicabile.Nel caso intenda richiedere un preventivo può scrivere a [email protected] esponendo i suoi quesiti. cordiali saluti

VAI AL COMMENTO
gabriele

per quanto riguarda i 3 months notice ricevuta (avevo chiesto 6 mesi di preavviso, essendo agente esclusivo per l'Italia da 18 anni)mi e' stata negata, nonostante anche l'Inghilterra abbia sottofirmato gli accordi Europei, mi hanno risposto che fa fede la corte inglese che prevede comunque non piu' di 3 mesi. Mi vedo costretto ad accettare, non potendo chiaramente accollarmi delle spese di un legale che operi in Inghilterra. Ma quello che desidero essere certo,e' che con la data della notifica di disdetta inviatami, sia certo che io sono loro agente x i tre mesi rimanenti e la mandante non puo'personalmente o con un nuovo agente operare sul territorio Italiano prima dello scadere dei 3 mesi. Ad esempio ,contattare i miei clienti e programmare una campagna vendite.

VAI AL COMMENTO
Marcello

La risposta precedente era generica e a titolo di cortesia. Come potrà comprendere non possiamo fornire una consulenza senza aver studiato il caso.

VAI AL COMMENTO
gabriele

Quindi, se io non accetto una dilazione dell'indennita' dovuta ed accettata , la legge inglese prevede che la mandante mi debba liquidare in un'unica soluzione?

VAI AL COMMENTO
Marcello

Buongiorno, in linea di principio il pagamento dell'indennità, se legalmente dovuta, dovrebbe essere effettuato in un' unica soluzione ma le parti possono concordare diversamente. cordiali saluti Marcello Mantelli

VAI AL COMMENTO

Seguici su