E-franchising: diritto delle nuove tecnologie

Marcello Mantelli
Avvocato in Milano e Torino

Il contratto di franchising è stato oggetto – e lo è tuttora – di modifiche e trasformazioni legate a fattori diversi: da un lato, il graduale ripensamento dei modelli di business ha avuto un impatto sui rapporti in corso; dall’altro, sicuramente le nuove tecnologie hanno aperto a nuovi metodi di vendita online.

In tale ottica recentemente è stato sviluppato il modello del c.d. E-franchising, ossia una forma di franchising interamente sviluppata online che apre le porte a operatori economici di diversi paesi grazie al ricorso agli shops online.

Il franchising “tradizionale” si basa infatti su un modello di business in base al quale vi è, da un lato, il franchisor proprietario della formula di business e, dall’altro, uno o più franchisees/affiliati commerciali che costituiscono la rete distributiva operante in modo omogeneo verso l’esterno sotto i marchi e le insegne del franchisor tramite shops fisici.

In tal senso, per promuovere l’internazionalizzazione “tradizionale” del brand, il franchisor potrà optare per diverse soluzioni in base al proprio piano marketing quali:

single unit franchisees individuati nei paesi di interesse, e quindi singoli partners locali che gestiscono uno o più punti vendita fisici;

master franchising consistente nell’affidare a un partner (“master franchisee”), verso corrispettivo, il compito di selezionare sub-franchisees in un certo paese target, concludere con loro contratti di franchising e gestire il business in questione con loro;

area representative nel quale il franchisor conclude direttamente i contratti con i franchisees del Paese target, delegando tuttavia ad un terzo le operazioni di selezione e di formazione degli stessi.

Parlando di e-franchising, l’internazionalizzazione può essere sviluppata ricorrendo ai metodi tradizionali sopra esposti oppure ricorrendo ad ulteriori mezzi, tenuto conto che il negozio fisico tende a ridursi di importanza potendosi tutta la gestione del paese di interesse avvenire anche esclusivamente on-line ad esempio attraverso il c.d. dropshipping (sistema di distribuzione online).

Infatti, in questo caso il venditore vende un prodotto online senza averlo materialmente in un magazzino non essendo la merce nella detenzione fisica del venditore.

In questo modo, non essendo presente uno shop fisico da dover gestire, il/i franchisee/s può dedicarsi interamente alla promozione dei prodotti/servizi e alla gestione dei clienti, con potenziale aumento delle vendite degli shops virtuali in e-franchising rispetto a quelli fisici “tradizionali”.

Ne consegue che attraverso una tale forma innovativa, da valutare caso per caso, sarebbe possibile:

– ridurre i costi iniziali di avviamento del business per i franchisees (relativi all’apertura dello store affiliato e alla replica degli interni e dell’insegna del franchisor che vengono significativamente abbattuti rispetto allo shop fisico;

– accelerazione dell’avviamento dei punti vendita online , garantendo un’internazionalizzazione completa in un tempo minore.

Come già anticipato nell’affrontare il tema del dropshipping, anche per l’e-franchising – dato che si opera sul web – sarà necessario porre particolare attenzione non soltanto alla selezione dei partners adatti, ma anche alla attenta regolazione del rapporto contrattuale tra le parti, al fine di #fareaffariinsicurezza e sfruttare al massimo le potenzialità offerte dalle formule tradizionali di business applicate alle nuove tecnologie nel contesto delle nuove tendenze di acquisto on-line dei consumatori.

#ecommerce #efranchisinginternazionale #dropshipping #dirittonuovetecnologie #digitallaw #venditeonline #franchisingonline #dirittocommerciointernazionale #contrattiinternazionali #distribuzioneinternazionale #venditainternazionale #avvocatocontrattiinternazionali

Condividi su:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Marcello

Temo che lei non abbia inquadrato correttamente la questione dal punto di vista giuridico.Saremo lieti di fornirle un preventivo per erogare una consulenza alla luce dell'esame del contratto, della corrispondenza intercorsa e della legge applicabile.Nel caso intenda richiedere un preventivo può scrivere a [email protected] esponendo i suoi quesiti. cordiali saluti

VAI AL COMMENTO
gabriele

per quanto riguarda i 3 months notice ricevuta (avevo chiesto 6 mesi di preavviso, essendo agente esclusivo per l'Italia da 18 anni)mi e' stata negata, nonostante anche l'Inghilterra abbia sottofirmato gli accordi Europei, mi hanno risposto che fa fede la corte inglese che prevede comunque non piu' di 3 mesi. Mi vedo costretto ad accettare, non potendo chiaramente accollarmi delle spese di un legale che operi in Inghilterra. Ma quello che desidero essere certo,e' che con la data della notifica di disdetta inviatami, sia certo che io sono loro agente x i tre mesi rimanenti e la mandante non puo'personalmente o con un nuovo agente operare sul territorio Italiano prima dello scadere dei 3 mesi. Ad esempio ,contattare i miei clienti e programmare una campagna vendite.

VAI AL COMMENTO
Marcello

La risposta precedente era generica e a titolo di cortesia. Come potrà comprendere non possiamo fornire una consulenza senza aver studiato il caso.

VAI AL COMMENTO
gabriele

Quindi, se io non accetto una dilazione dell'indennita' dovuta ed accettata , la legge inglese prevede che la mandante mi debba liquidare in un'unica soluzione?

VAI AL COMMENTO
Marcello

Buongiorno, in linea di principio il pagamento dell'indennità, se legalmente dovuta, dovrebbe essere effettuato in un' unica soluzione ma le parti possono concordare diversamente. cordiali saluti Marcello Mantelli

VAI AL COMMENTO

Seguici su