Diritto nuove tecnologie: lo sviluppo dell’e-commerce e la relativa disciplina europea

L’emergenza sanitaria ha avuto un forte impatto sui canali distributivi internazionali, rendendo così necessario per le aziende trovare dei canali alternativi.

In particolare, la vendita tramite siti specializzati in e-commerce ha avuto un forte sviluppo, coinvolgendo molti settori produttivi in Italia e all’estero.

La vendita attraverso l’e-commerce assume perciò una rilevanza sempre maggiore per le imprese che operano sui mercati internazionali.

Nell’ordinamento Ue, le principali e più rilevanti normative europee in materia sono sicuramente la Direttiva sul commercio elettronico 2000/21/CE, relativa alle informazioni di carattere generale che devono essere fornite al consumatore (come dati identificativi del fornitore, caratteristiche essenziali del bene o del servizio, prezzi, etc), nonché la Direttiva 2011/83/UE (In Italia, cfr. art. 49 e seguenti del Codice dei Consumo – informazioni precontrattuali per il consumatore e diritto di recesso nei contratti a distanza) che rinforza gli obblighi informativi relativi al settore del commercio elettronico ed il diritto di recesso nei contratti a distanza.

Tali direttive, tra le altre previsioni di legge, richiedono al soggetto che intende esercitare un’attività tramite un sito o un portale di e-commerce di rendere facilmente accessibili e sempre aggiornate alcune informazioni obbligatorie tra le quali si segnalano:

– nome, denominazione o ragione sociale;

– domicilio o sede legale;

– contatti, compreso indirizzo e-mail;

– numero di iscrizione al registro delle imprese;

– numero di partita IVA o altro numero di identificazione dello Stato membro;

– indicazione chiara di prezzi e tariffe;

– indicazioni relative alla tutela del consumatore (quali il diritto alla privacy relativo a dati e informazioni sensibili dell’utente e il diritto di recesso).

Il mancato rispetto della normativa applicabile nell’UE, ad esempio in Italia, in conformità con il Codice del Consumo, oltre che comportare potenziali contenziosi con gli utenti, può determinare l’intervento dell’Autorità Pubblica e l’irrogazione di sanzioni.

In ambito e-commerce sono due le Autorità italiane che possono irrogare sanzioni: l’AGCM (Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato) ed il Garante Privacy.

Ad esempio all’AGCM i consumatori possono presentare reclami che possono sfociare in un procedimento e, in caso di condanna, in una conseguente sanzione da un minimo di 5.000 euro a un massimo di 5 milioni.

Il rapido sviluppo e la diffusione del canale e-commerce in quasi tutti i settori commerciali offrono indubbiamente ottime opportunità per le imprese anche in questo difficile periodo ma è fondamentale predisporre contratti rivolti agli utenti dell’e-commerce che rispettino i requisiti richiesti dalla legge oltre che gli obiettivi commerciali del sito al fine di garantire sia vendite sicure—non a rischio di sanzioni- sia una effettiva tutela effettiva dei consumatori.

Marcello Mantelli
Avvocato in Milano e Torino

#ecommerce #dirittonuovetecnologie #commerciointernazionale #contrattiinternazionali #venditainternazionale #distribuzioneinternazionale #affariinternazionali #fareaffariinsicurezza

Condividi su:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Marcello

Buonasera, grazie per la sua richiesta. Per richiedere una consulenza deve inviare un'email con il suo quesito, allegando il contratto e ogni altro documento rilevante (ad esempio scambio di email) a [email protected] forniremo un preventivo una volta ottenuto il suo consenso al trattamento dei dati personali al fine dell'evasione della richiesta. cordiali saluti La segreteria

VAI AL COMMENTO
Matteo

Salve, Ho depositato una SECONDA versione di un mio brano, insieme ad un'altra persona, che (nel deposito stesso, da parte mia su Soundreef, da parte sua su Siae) figura come arrangiatore. Io, sempre come autore e compositore. Nei rispettivi depositi le percentuali su DEM e DRM sono così suddivise: 60% io 40% lui. La persona che doveva figurare come arrangiatore, mi ha girato il "contratto di distribuzione" della MgM (in cui invece, inaspettatamente, figura come etichetta discografica). Fino a dove arrivo a capire in ambito legale, leggendo il contratto ci sono diverse cose che, a mio avviso, non tornano. Volevo sapere come fare per richiedere una consulenza da parte vostra. Grazie in anticipo. Matteo.

VAI AL COMMENTO
Marcello

Temo che lei non abbia inquadrato correttamente la questione dal punto di vista giuridico.Saremo lieti di fornirle un preventivo per erogare una consulenza alla luce dell'esame del contratto, della corrispondenza intercorsa e della legge applicabile.Nel caso intenda richiedere un preventivo può scrivere a [email protected] esponendo i suoi quesiti. cordiali saluti

VAI AL COMMENTO
gabriele

per quanto riguarda i 3 months notice ricevuta (avevo chiesto 6 mesi di preavviso, essendo agente esclusivo per l'Italia da 18 anni)mi e' stata negata, nonostante anche l'Inghilterra abbia sottofirmato gli accordi Europei, mi hanno risposto che fa fede la corte inglese che prevede comunque non piu' di 3 mesi. Mi vedo costretto ad accettare, non potendo chiaramente accollarmi delle spese di un legale che operi in Inghilterra. Ma quello che desidero essere certo,e' che con la data della notifica di disdetta inviatami, sia certo che io sono loro agente x i tre mesi rimanenti e la mandante non puo'personalmente o con un nuovo agente operare sul territorio Italiano prima dello scadere dei 3 mesi. Ad esempio ,contattare i miei clienti e programmare una campagna vendite.

VAI AL COMMENTO
Marcello

La risposta precedente era generica e a titolo di cortesia. Come potrà comprendere non possiamo fornire una consulenza senza aver studiato il caso.

VAI AL COMMENTO

Seguici su