Distribuzione musicale online: tips contrattuali per artisti emergenti

Marcello Mantelli

Avvocato in Milano e Torino


Nell’epoca in cui sempre più musica è reperibile online, anche gli artisti emergenti possono sottoscrivere un contratto di distribuzione online per distribuire in commercio la loro musica con facilità affidandosi a fornitori specializzati nella distribuzione online per artisti e piccole etichette.

Di seguito proponiamo alcune cautele per #fareaffariinsicurezza.

Prima di sottoscrivere un accordo di distribuzione musicale online, è fondamentale che l’artista verifichi di essere pienamente titolare dei relativi diritti. Sul punto l’artista si assume infatti piena responsabilità e sarà tenuto ad indennizzare il distributore contro eventuali rivendicazioni di terzi derivanti da una violazione di questa garanzia, sempre presente nel contratto. Occorre pertanto prestare attenzione: se esiste già un accordo di trasferimento su nastro con un’etichetta per le registrazioni, infatti, è molto probabile che l’etichetta possieda anche i diritti online su di esse.

Appurata la titolarità dei diritti online, l’artista è libero di trasferirli al distributore. Solitamente i distributori di musica online non dispongono di una propria infrastruttura digitale, bensì – appurata discrezionalmente la buona qualità e professionalità delle registrazioni– curano la cessione in licenza del contenuto musicale alle più note piattaforme di streaming o download (iTunes, Spotify, Amazon ecc…). Alcuni distributori curano inoltre anche la parte di promozione dei contenuti.

Una previsione cardine del contratto è la clausola di esclusiva con cui l’artista si impegna a non concedere a nessun altro lo sfruttamento digitale dei suoi contenuti. In punto di esclusività l’artista deve prestare molta attenzione a negoziare ed ottenere nel contratto  eccezioni appropriate nel caso in cui ad esempio voglia caricare le proprie canzoni sui social media personali o sfruttare altri canali di sfruttamento commerciale.

Per quanto riguarda i proventi, nella prassi contrattuale vengono adottate alcune varianti tra le quali:

i. l’artista riceve il 100% dei proventi che il distributore riceve dai vari portali online, ma gli vengono addebitate le commissioni di accantonamento per brano o per album;

ii. l’artista riceve solo una parte del ricavato, ma paga commissioni di accantonamento inferiori;

iii. l’artista riceve una parte del ricavato (indicata nel contratto), ma non paga alcuna commissione.

La maggior parte dei contratti di distribuzione online ha una durata minima (ad es. 12 mesi) spesso prorogata per uguali periodi successivi , se non viene data disdetta prima della scadenza. In punto di durata è inoltre fondamentale distinguere il periodo contrattuale dal periodo di sfruttamento delle registrazioni durante il quale il distributore ha il diritto esclusivo di sfruttare le registrazioni anche dopo la scadenza del contratto.

Il contratto dovrà essere il più possibile dettagliato e completo, e ciò  a maggior ragione in un contesto internazionale, con indicazione, ad esempio, della legge applicabile e del metodo di risoluzione delle controversie. Tutte le soluzioni contrattuali dovranno naturalmente tenere conto della loro compatibilità con la legge applicabile così come della possibilità di tutela offerta dal giudice o arbitro indicato nel contratto. 

Condividi su:

2 thoughts on “Distribuzione musicale online: tips contrattuali per artisti emergenti

    1. Buongiorno,
      grazie per la sua richiesta.
      Non disponiamo di modelli generali di contratto. Tutti i contratti sono realizzati su misura caso per caso per la migliore tutela del cliente, dato che le situazioni giuridiche variano da caso a caso.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Marcello

Temo che lei non abbia inquadrato correttamente la questione dal punto di vista giuridico.Saremo lieti di fornirle un preventivo per erogare una consulenza alla luce dell'esame del contratto, della corrispondenza intercorsa e della legge applicabile.Nel caso intenda richiedere un preventivo può scrivere a [email protected] esponendo i suoi quesiti. cordiali saluti

VAI AL COMMENTO
gabriele

per quanto riguarda i 3 months notice ricevuta (avevo chiesto 6 mesi di preavviso, essendo agente esclusivo per l'Italia da 18 anni)mi e' stata negata, nonostante anche l'Inghilterra abbia sottofirmato gli accordi Europei, mi hanno risposto che fa fede la corte inglese che prevede comunque non piu' di 3 mesi. Mi vedo costretto ad accettare, non potendo chiaramente accollarmi delle spese di un legale che operi in Inghilterra. Ma quello che desidero essere certo,e' che con la data della notifica di disdetta inviatami, sia certo che io sono loro agente x i tre mesi rimanenti e la mandante non puo'personalmente o con un nuovo agente operare sul territorio Italiano prima dello scadere dei 3 mesi. Ad esempio ,contattare i miei clienti e programmare una campagna vendite.

VAI AL COMMENTO
Marcello

La risposta precedente era generica e a titolo di cortesia. Come potrà comprendere non possiamo fornire una consulenza senza aver studiato il caso.

VAI AL COMMENTO
gabriele

Quindi, se io non accetto una dilazione dell'indennita' dovuta ed accettata , la legge inglese prevede che la mandante mi debba liquidare in un'unica soluzione?

VAI AL COMMENTO
Marcello

Buongiorno, in linea di principio il pagamento dell'indennità, se legalmente dovuta, dovrebbe essere effettuato in un' unica soluzione ma le parti possono concordare diversamente. cordiali saluti Marcello Mantelli

VAI AL COMMENTO

Seguici su