E-commerce e Made in Italy in Russia: un grande affare per gli esportatori italiani.

Il mercato digitale russo è in forte crescita. E il pubblico russo è notoriamente desideroso di acquistare prodotti italiani, in particolare fashion and luxury.

Il colosso cinese Alibaba renderà più agevole l’incontro tra domanda russa e prodotti italiani: la società di Jack Ma ha infatti aperto il portale e-commerce AliExpress (facente parte dei marketplace globali di Alibaba Group) al mercato italiano mettendolo in comunicazione con il mercato russo.
L’annuncio è arrivato l’11 novembre scorso durante il Global Shopping Festival 2019.

AliExpress è il marketplace più visitato in Russia. Il mercato e-commerce di Mosca, secondo Morgan Stanley, raggiungerà un giro d’affari di 52 miliardi nel 2023, con una crescita del 170%.

Una vera svolta per il Made in Italy.
AliExpress ha messo a disposizione una pagina ad hoc del sito per i brand italiani, così da vendere direttamente in Russia moda, borse, orologi, cosmetici e altre categorie di prodotti tipici della produzione del Belpaese.
Tempi di consegna? 10 giorni con i pacchi spediti dall’Italia direttamente nelle case dei compratori.

AliExpress supporterà i pagamenti sia in euro sia in rubli, impegnandosi a semplificare le operazioni logistiche grazie alla collaborazione avviata con Cainiao.

La nuova iniziativa di Aliexpress fa parte della strategia della società che mira a offrire prodotti di qualità provenienti da tutto il mondo ai consumatori a livello globale e supportare le Pmi e i brand nella loro crescita internazionale, ampliando e migliorando la propria offerta di prodotti e servizi.

Come indicato dal Rapporto targato Confindustria-SACE 2019 “Esportare La Dolce Vita” l’e-commerce rappresenta certamente uno strumento importante per lo sviluppo dell’export italiano, specie se integrato con strategie di distribuzione internazionale che le aziende italiane potranno sviluppare nel mercato russo.

Avv. Luca Davini
Avv. Massimiliano Gardellin

ecommerce #blockchain #smartcontracts #exportrussia #commerciointernazionale #contrattiinternazionali



Condividi su:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Marcello

Buongiorno, non si tratta di mobbing ma appare piuttosto una violazione dell'esclusiva dell'agente.Occorre esaminare il contratto e individuare la legge applicabile per verificare il perimetro dell'esclusiva.Può scrivere direttamente al nostro indirizzo email [email protected]

VAI AL COMMENTO
Felice

interessante, e se fosse la mandante tedesca a fare mobbing in svariate forme x ostacolare un agente esclusiva italiano settore industria ( acciaio)da 30anni. piazzandogli un distributore nel paese all improvviso.?

VAI AL COMMENTO
Felice zanellini

interessante, e se fosse la mandante tedesca a fare mobbing in svariate forme x ostacolare un agente esclusiva italiano settore industria ( acciaio)da 30anni. piazzandogli un distributore nel paese all improvviso.?

VAI AL COMMENTO
Mantelli Davini Avvocati Associati

Buongiorno, grazie per la sua richiesta. Non disponiamo di modelli generali di contratto. Tutti i contratti sono realizzati su misura caso per caso per la migliore tutela del cliente, dato che le situazioni giuridiche variano da caso a caso.

VAI AL COMMENTO
Mario

Avete un facsimile di accordo tra Distributore/etichetta e Artista ? Se si, vorrei leggerlo. Grazie, saluti. Mario Comendulli [email protected]

VAI AL COMMENTO

Seguici su