Emirati Arabi Uniti: riconosciuta agli investitori esteri la possibilità di una proprietà piena delle società costituite mainland

Gli Emirati Arabi Uniti costituiscono uno dei più importanti snodi commerciali del pianeta, trovandosi a metà tra Europa, Asia e Africa. Si stima infatti che le aziende che operano negli Emirati hanno accesso ad un mercato che coinvolge circa un miliardo e mezzo di persone.

Tuttavia, nel decidere di fare affari in tale contesto, bisogna tenere a mente le particolari regole per operare in Medio Oriente: nello specifico, una società estera può operare negli Emirati direttamente, tramite una società costituita “mainland”, oppure in una “free zone”.

Fino al 2017, lo svolgimento diretto dell’attività tramite società “mainland poteva essere effettuato soltanto attraverso la costituzione di una società partecipata dalla società madre estera e da un socio locale che doveva detenere una partecipazione di maggioranza pari al 51% del capitale sociale.

Viceversa, nella “free zone” il capitale può essere detenuto al 100% da persona fisica o giuridica straniera, a patto che la società così costituita non stabilisca altri sedi o uffici al di fuori della “free zone” e che, con lo scopo di commerciare con gli Emirati, si avvalga di un agente o un di distributore (essendo dunque più indicata per le imprese che effettuano import-export in Paesi diversi dagli UAE).

Con particolare riguardo alle società mainland, dal 2017 appunto, il governo degli Emirati Arabi Uniti ha modificato la Legge sulle società commerciali, emanando una nuova Legge sugli investimenti diretti esteri (FDI Law) proprio per consentire livelli più ampi di proprietà da parte di investitori stranieri, incentivando dunque l’attività di questi negli Emirati.

Tale legge stabilisce come gli investitori esteri possano ad oggi richiedere di possedere più del 49% delle azioni della società mainland, lasciando però ad un successivo intervento del Gabinetto dei ministri l’individuazione dei settori interessati che possono usufruire di tale possibilità.

Lo scorso 17 marzo 2020 è stata emanata tale Positive List, ossia l’elenco di attività aperte agli stranieri, la quale include, tra le altre, i settori legati ad agricoltura, costruzioni, produzione, energie rinnovabili, spazio e trasporto e stoccaggio.

Inoltre, la risoluzione del Gabinetto dei ministri consente all’autorità competente per le licenze di ciascun Emirato di prevedere condizioni aggiuntive da imporre alle società estere (si veda il caso di Dubai, dove è richiesto alle società estere, per poter ottenere la proprietà del 100% della società mainland, di nominare un cittadino degli Emirati per agire come “Service Agent” nella gestione di tutte le pratiche burocratiche).

Il consiglio pratico, per le società che abbiano intenzione di costituire una società mainland negli Emirati Arabi Uniti, è dunque quello di valutare le opportunità offerte dalla recente Legge emiratina e dalla Positive List emanata, considerando attentamente eventuali ulteriori requisiti richiesti in base al tipo di attività svolta e all’Emirato prescelto per la sede della società.

Luca Davini
Avvocato in Milano e Torino

#commerciointernazionale #internationaltradelaw #venditeinternazionali #distribuzioneinternazionale #fareaffarinegliEmiratiArabiUniti #UAE #contrattiinternazionali #dirittosocietario #societàmainland #societàfreezone #affariinternazionali #investimentiinternazionali

Condividi su:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Marcello

Buonasera, grazie per la sua richiesta. Per richiedere una consulenza deve inviare un'email con il suo quesito, allegando il contratto e ogni altro documento rilevante (ad esempio scambio di email) a [email protected] forniremo un preventivo una volta ottenuto il suo consenso al trattamento dei dati personali al fine dell'evasione della richiesta. cordiali saluti La segreteria

VAI AL COMMENTO
Matteo

Salve, Ho depositato una SECONDA versione di un mio brano, insieme ad un'altra persona, che (nel deposito stesso, da parte mia su Soundreef, da parte sua su Siae) figura come arrangiatore. Io, sempre come autore e compositore. Nei rispettivi depositi le percentuali su DEM e DRM sono così suddivise: 60% io 40% lui. La persona che doveva figurare come arrangiatore, mi ha girato il "contratto di distribuzione" della MgM (in cui invece, inaspettatamente, figura come etichetta discografica). Fino a dove arrivo a capire in ambito legale, leggendo il contratto ci sono diverse cose che, a mio avviso, non tornano. Volevo sapere come fare per richiedere una consulenza da parte vostra. Grazie in anticipo. Matteo.

VAI AL COMMENTO
Marcello

Temo che lei non abbia inquadrato correttamente la questione dal punto di vista giuridico.Saremo lieti di fornirle un preventivo per erogare una consulenza alla luce dell'esame del contratto, della corrispondenza intercorsa e della legge applicabile.Nel caso intenda richiedere un preventivo può scrivere a [email protected] esponendo i suoi quesiti. cordiali saluti

VAI AL COMMENTO
gabriele

per quanto riguarda i 3 months notice ricevuta (avevo chiesto 6 mesi di preavviso, essendo agente esclusivo per l'Italia da 18 anni)mi e' stata negata, nonostante anche l'Inghilterra abbia sottofirmato gli accordi Europei, mi hanno risposto che fa fede la corte inglese che prevede comunque non piu' di 3 mesi. Mi vedo costretto ad accettare, non potendo chiaramente accollarmi delle spese di un legale che operi in Inghilterra. Ma quello che desidero essere certo,e' che con la data della notifica di disdetta inviatami, sia certo che io sono loro agente x i tre mesi rimanenti e la mandante non puo'personalmente o con un nuovo agente operare sul territorio Italiano prima dello scadere dei 3 mesi. Ad esempio ,contattare i miei clienti e programmare una campagna vendite.

VAI AL COMMENTO
Marcello

La risposta precedente era generica e a titolo di cortesia. Come potrà comprendere non possiamo fornire una consulenza senza aver studiato il caso.

VAI AL COMMENTO

Seguici su