Fare affari in Cina: i vantaggi di costituire o acquisire una società nelle cosiddette zone di sviluppo

Per l’imprenditore che intende ampliare i propri affari nel mercato cinese costituire o acquisire una società nelle cosiddette zone di sviluppo può rappresentare un ottimo investimento per lo sviluppo e la crescita della propria azienda.

Le principali agevolazioni previste dalla normativa cinese, in particolare di natura fiscale e doganale, sono destinate a imprese totalmente o parzialmente straniere, le cosiddette Wholly Foreign Owned Enterprises (WFOE) e Joint Ventures (JV) tra cui:
-Regime favorevole di applicazione dell’imposta sul reddito d’impresa
-Politiche preferenziali
-Disponibilità di risorse e infrastrutture adeguate
-Supporto e partecipazione del governo
-Alto grado di specializzazione nei settori industriali d’avanguardia e nei servizi
-Hub di tecnologia, apprendimento e innovazione
-Autonomia amministrativa.

Ad oggi, in tutta la Cina sono riconosciute 2675 zone di sviluppo in continua espansione e sparse su tutto il territorio: 199 nel Jiangsu; 176 nello Shandong; 154 nello Hebei; 152 nello Henan; 141 nel Sichuan; 140 nella provincia del Guangdong.

Oggi tra le principali zone di sviluppo in Cina vi sono:
1. Zone Economiche Speciali (ZES) concentrate nelle zone costiere meridionali e caratterizzate da incentivi doganali e fiscali nonché da finanziamenti alle attività da parte degli apparati amministrativi cinesi;
2. Free Trade Zones (FTZ) dislocate lungo la costa orientale della Cina nelle quali aziende domestiche ed estere possono importare, produrre ed esportare prodotti senza essere soggetti a tariffe o con imposizione di tariffe ridotte rispetto al resto del paese;
3. Economic and Technological Development Zone (ETDZ) sparse in tutto il paese, il cui obiettivo è lo sviluppo di tecnologie industriali d’avanguardia locali;
4. High-tech Industrial Development Zone (HIDZ) chehanno lo scopo di favorire il processo innovativo e lo sviluppo di industrie hi-tech locali;
5. Border Economic Cooperation Zone (BECZ) posizionate lungo i confini a nord-ovest, nord-est e sud della Cina, hanno lo scopo di spingere lo sviluppo economico e sociale in queste zone di confine cooperando con i paesi e le regioni confinanti e stanno diventando zone pilota della strategia di proiezione internazionale e parte integrante della Belt and Road Initiative (BRI);
6. Export Processing Zone (EPZ) per lo più presenti lungo la fascia costiera hanno principalmente sviluppato industrie orientate all’export e ad alta intensità di manodopera.

Avv. Marcello Mantelli
Avv. Massimiliano Gardellin

 #jointventure #mergerandacquisitions #affariinternazionali #investimentiinternazionali #cinastrategy

Condividi su:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Marcello

Temo che lei non abbia inquadrato correttamente la questione dal punto di vista giuridico.Saremo lieti di fornirle un preventivo per erogare una consulenza alla luce dell'esame del contratto, della corrispondenza intercorsa e della legge applicabile.Nel caso intenda richiedere un preventivo può scrivere a [email protected] esponendo i suoi quesiti. cordiali saluti

VAI AL COMMENTO
gabriele

per quanto riguarda i 3 months notice ricevuta (avevo chiesto 6 mesi di preavviso, essendo agente esclusivo per l'Italia da 18 anni)mi e' stata negata, nonostante anche l'Inghilterra abbia sottofirmato gli accordi Europei, mi hanno risposto che fa fede la corte inglese che prevede comunque non piu' di 3 mesi. Mi vedo costretto ad accettare, non potendo chiaramente accollarmi delle spese di un legale che operi in Inghilterra. Ma quello che desidero essere certo,e' che con la data della notifica di disdetta inviatami, sia certo che io sono loro agente x i tre mesi rimanenti e la mandante non puo'personalmente o con un nuovo agente operare sul territorio Italiano prima dello scadere dei 3 mesi. Ad esempio ,contattare i miei clienti e programmare una campagna vendite.

VAI AL COMMENTO
Marcello

La risposta precedente era generica e a titolo di cortesia. Come potrà comprendere non possiamo fornire una consulenza senza aver studiato il caso.

VAI AL COMMENTO
gabriele

Quindi, se io non accetto una dilazione dell'indennita' dovuta ed accettata , la legge inglese prevede che la mandante mi debba liquidare in un'unica soluzione?

VAI AL COMMENTO
Marcello

Buongiorno, in linea di principio il pagamento dell'indennità, se legalmente dovuta, dovrebbe essere effettuato in un' unica soluzione ma le parti possono concordare diversamente. cordiali saluti Marcello Mantelli

VAI AL COMMENTO

Seguici su