Focus arbitrato: l’intervento della Corte di Cassazione in materia di lodo arbitrale e termine “lungo” per proporre impugnazione per nullità

Luca Davini
Avvocato in Milano e Torino

Arbitrato: con una recente sentenza (SS.UU., n. 8776/21), la Corte di Cassazione ha fatto chiarezza sul momento a partire dal quale decorre il termine di un anno – secondo quanto previsto dalla disciplina codicistica all’art. 828.2 c.p.c. – per impugnare il lodo arbitrale per nullità.

La Suprema Corte è intervenuta sulla sentenza resa in appello dalla Corte di Bologna, mediante la quale veniva dichiarata inammissibile l’impugnazione proposta da una parte nei confronti del lodo arbitrale reso in primo grado, in quanto formulata oltre il c.d. termine “lungo” di un anno.

Secondo la Corte d’appello, infatti, tale termine lungo decorrerebbe dalla data dell’ultima sottoscrizione degli arbitri, conformemente a quanto stabilito dall’art. 828.2 c.p.c.

All’interno del ricorso per Cassazione, la parte soccombente lamentava tuttavia non soltanto una violazione a livello processuale, ma anche una violazione di tipo costituzionale, in quanto – in base ad una “lettura costituzionalmente orientata”, la norma di cui all’art. 828.2 c.p.c. dovrebbe essere interpretata nel senso che il termine per la proposizione dell’impugnazione per nullità decorre solamente dal momento in cui il lodo è conoscibile dalle parti.

Nel rigettare il ricorso, la Corte di Cassazione ha chiarito che “la lettera dell’art. 828.2 c.p.c. non dà in sé adito a dubbi o perplessità interpretative, fissando sin dal momento dell’ultima sottoscrizione degli arbitri il dies a quo per impugnare nel c.d. termine lungo”.

Inoltre, secondo la Suprema Corte, il lodo produce gli effetti della sentenza dell’autorità giudiziaria (in questo caso gli arbitri) dalla data della sua ultima sottoscrizione, con la conseguenza che vi è una necessaria corrispondenza tra la pubblicazione della sentenza e l’attività consistente nell’apposizione dell’ultima sottoscrizione da parte degli arbitri.

Per tali motivi, la Corte ha stabilito che il termine previsto dall’art. 828.2 c.p.c. decorre necessariamente dalla data di sottoscrizione da parte degli arbitri e non dalla comunicazione del lodo alle parti o dal suo deposito.

In tale contesto, la Corte ha inoltre ribadito come il termine di un anno per impugnare il lodo rappresenti una possibilità sufficientemente ampia per la parte interessata per esercitare il diritto di difesa e quindi impugnare la decisione arbitrale.

#arbitrato #arbitratoItalia #focusarbitrato #risoluzionecontroversie #contezioso #disciplinaarbitrato #lodoarbitrale #impugnazionelodoarbitrale #termineimpugnazionelodo #terminelungoimpugnazione #nullitàlodoarbitrale

Condividi su:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Marcello

Temo che lei non abbia inquadrato correttamente la questione dal punto di vista giuridico.Saremo lieti di fornirle un preventivo per erogare una consulenza alla luce dell'esame del contratto, della corrispondenza intercorsa e della legge applicabile.Nel caso intenda richiedere un preventivo può scrivere a [email protected] esponendo i suoi quesiti. cordiali saluti

VAI AL COMMENTO
gabriele

per quanto riguarda i 3 months notice ricevuta (avevo chiesto 6 mesi di preavviso, essendo agente esclusivo per l'Italia da 18 anni)mi e' stata negata, nonostante anche l'Inghilterra abbia sottofirmato gli accordi Europei, mi hanno risposto che fa fede la corte inglese che prevede comunque non piu' di 3 mesi. Mi vedo costretto ad accettare, non potendo chiaramente accollarmi delle spese di un legale che operi in Inghilterra. Ma quello che desidero essere certo,e' che con la data della notifica di disdetta inviatami, sia certo che io sono loro agente x i tre mesi rimanenti e la mandante non puo'personalmente o con un nuovo agente operare sul territorio Italiano prima dello scadere dei 3 mesi. Ad esempio ,contattare i miei clienti e programmare una campagna vendite.

VAI AL COMMENTO
Marcello

La risposta precedente era generica e a titolo di cortesia. Come potrà comprendere non possiamo fornire una consulenza senza aver studiato il caso.

VAI AL COMMENTO
gabriele

Quindi, se io non accetto una dilazione dell'indennita' dovuta ed accettata , la legge inglese prevede che la mandante mi debba liquidare in un'unica soluzione?

VAI AL COMMENTO
Marcello

Buongiorno, in linea di principio il pagamento dell'indennità, se legalmente dovuta, dovrebbe essere effettuato in un' unica soluzione ma le parti possono concordare diversamente. cordiali saluti Marcello Mantelli

VAI AL COMMENTO

Seguici su