Cina: moda e commercio digitale

Opportunità per fare affari in Asia

Luca Davini
Avvocato in Milano e Torino

È noto come, a partire dal 1980, la Cina sia stata e sia tuttora protagonista di uno sviluppo economico senza precedenti. Tale sviluppo ha interessato diversi settori, non da ultimo quello della moda.

Soprattutto con l’avvento della nuova Generazione Z (c.d. centennials, ossia i nati tra il 1995 e il 2005), si è avuto poi un particolare sviluppo del luxury brand (come Louis Vuitton, Chanel, Gucci, etc.), particolarmente apprezzato dai consumatori cinesi più giovani.

Oltre allo sviluppo della fashion luxury – a cui i cinesi contribuiscono con la metà di tutti gli acquisti effettuati a livello globale – molto diffusi in Cina sono anche i fast fashion clothing brand (come Zara e H&M), particolarmente apprezzati dai più giovani per il rapporto qualità-prezzo dei prodotti.

Indispensabile poi per lo sviluppo dei brand nel mercato cinese, un contestuale sviluppo di canali di vendita e-commerce, ormai diventati fondamentali per ottenere e mantenere una presenza duratura sui mercati.

Inoltre, va considerato che l’attuale emergenza sanitaria ha avuto un forte impatto sui canali distributivi internazionali, rendendo così necessario per le aziende trovare dei canali alternativi, tra cui, appunto, quello della vendita tramite siti specializzati in e-commerce.

La vendita attraverso l’e-commerce assume perciò una rilevanza sempre maggiore per le imprese che operano sui mercati internazionali, in particolare per i fashion brands che operano in Cina.

Basti pensare che nel 2019 le vendite tramite e-commerce in Cina hanno superato il totale delle vendite effettuate in Europa e Stati Uniti e, ancora, che a giugno 2020 sono stati ben 749 milioni i cittadini cinesi che hanno effettuato acquisti online, con un incremento di oltre 100 milioni rispetto al 2019.

Il ricorso all’e-commerce può quindi offrire ottime opportunità per le imprese, e purtuttavia deve essere accompagnato da un’attenta valutazione del mercato di riferimento e da una predisposizione di contratti rivolti agli utenti cinesi che rispettino i requisiti richiesti dalla legge.

È infatti fondamentale predisporre contratti rivolti agli utenti dell’e-commerce che rispettino i requisiti richiesti dalla normativa vigente, oltre che gli obiettivi commerciali del sito, al fine di garantire sia vendite che non siano a rischio di sanzioni, sia una effettiva tutela dei consumatori.

In questo modo la digitalizzazione, unitamente alle misure amministrative in materia di accesso degli investimenti stranieri adottate a giugno 2020 dalla Commissione Nazionale sullo Sviluppo e le Riforme e il Ministero del Commercio della Repubblica popolare cinese e alla firma del Regional Comprehensive Economic Partnership, sarà in grado di garantire alle imprese straniere una presenza stabile in Cina.

#focusCina #ecommerce #fashionindustry #luxury #fastfashion #venditeinternazionali #contrattiinternazionali #distribuzioneinternazionale #affariinternazionali #commerciointernazionale #commerciodigitale #venditeonline

Condividi su:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Marcello

Temo che lei non abbia inquadrato correttamente la questione dal punto di vista giuridico.Saremo lieti di fornirle un preventivo per erogare una consulenza alla luce dell'esame del contratto, della corrispondenza intercorsa e della legge applicabile.Nel caso intenda richiedere un preventivo può scrivere a [email protected] esponendo i suoi quesiti. cordiali saluti

VAI AL COMMENTO
gabriele

per quanto riguarda i 3 months notice ricevuta (avevo chiesto 6 mesi di preavviso, essendo agente esclusivo per l'Italia da 18 anni)mi e' stata negata, nonostante anche l'Inghilterra abbia sottofirmato gli accordi Europei, mi hanno risposto che fa fede la corte inglese che prevede comunque non piu' di 3 mesi. Mi vedo costretto ad accettare, non potendo chiaramente accollarmi delle spese di un legale che operi in Inghilterra. Ma quello che desidero essere certo,e' che con la data della notifica di disdetta inviatami, sia certo che io sono loro agente x i tre mesi rimanenti e la mandante non puo'personalmente o con un nuovo agente operare sul territorio Italiano prima dello scadere dei 3 mesi. Ad esempio ,contattare i miei clienti e programmare una campagna vendite.

VAI AL COMMENTO
Marcello

La risposta precedente era generica e a titolo di cortesia. Come potrà comprendere non possiamo fornire una consulenza senza aver studiato il caso.

VAI AL COMMENTO
gabriele

Quindi, se io non accetto una dilazione dell'indennita' dovuta ed accettata , la legge inglese prevede che la mandante mi debba liquidare in un'unica soluzione?

VAI AL COMMENTO
Marcello

Buongiorno, in linea di principio il pagamento dell'indennità, se legalmente dovuta, dovrebbe essere effettuato in un' unica soluzione ma le parti possono concordare diversamente. cordiali saluti Marcello Mantelli

VAI AL COMMENTO

Seguici su