Norvegia: la nozione di agente commerciale secondo la Corte EFTA

Luca Davini
Avvocato in Milano e Torino

Come analizzato in precedenza, la questione relativa alla definizione di “agente commerciale” sollevata innanzi alla corti norvegesi nell’ambito di una controversia in materia di agenzia commerciale ha richiesto diversi interventi, non soltanto da parte delle corti interne norvegesi, ma anche da parte della Commissione europea e, da ultimo, della Corte EFTA.

Se, da un lato, la Corte d’appello norvegese ha ritenuto infatti che un soggetto è “agente” solamente qualora adempia al preciso obbligo di procurare e ricevere ordini da parte dei clienti per poi trasmetterli al preponente, dall’altro, la Commissione Ue si è espressa in maniera radicalmente opposta.

Nelle sue considerazioni, la Commissione ha chiarito che diverse disposizioni della Direttiva 86/653 (in materia di agenzia commerciale) suggeriscono che il compito degli agenti di commercio di “negoziare” per conto del preponente non richiede necessariamente che essi concludano transazioni o raccolgano ordini, sostanziandosi quindi in un ruolo da intermediario avente il fine di agevolare solamente la conclusione degli affari.

Vista la situazione di incertezza, la Corte suprema norvegese, investita della questione, ha ritenuto necessario richiedere preliminarmente alcuni chiarimenti alla Corte EFTA sulla corretta interpretazione del termine “negoziare” di cui alla Direttiva 86/653 e, di conseguenza, sull’effettiva attività che l’agente deve porre in essere per conto del preponente al fine di essere definito “agente commerciale”.

Nella decisione del 14 dicembre 2021, la Corte EFTA ha quindi chiarito che il termine “negoziare” dovrebbe essere interpretato nel senso di non presupporre necessariamente il coinvolgimento diretto dell’agente negli ordini effettuati dai clienti al preponente.

Questo poiché la Corte ha osservato che “negoziare” operazioni non equivale necessariamente a concluderle, in quanto la negoziazione può comunque avere luogo anche se l’agente non conclude una transazione. Di conseguenza, il coinvolgimento dell’agente nel finalizzare una transazione è solamente incidentale e non rappresenta quindi un requisito essenziale della sua attività.

Inoltre, la Corte ha rilevato che l’attività svolta dall’agente in qualità di intermediario (come analizzato nella sentenza Trendsetteuse della Corte di Giustizia Ue) non implica necessariamente che l’agente debba avere un ruolo attivo nella collezione degli ordini per conto del preponente.

Per questi motivi, secondo la Corte EFTA il compito principale dell’agente commerciale è portare nuovi clienti e aumentare il volume di affari con quelli esistenti, e questo può essere fatto senza avere un ruolo attivo negli ordini dei clienti.

Nel dare tale definizione del termine “negoziazione”, la Corte EFTA ha tuttavia chiarito che tale termine – sebbene non implichi la necessaria conclusione dell’ordine da parte dell’agente – non può essere interpretato in modo così ampio da ricomprendere tutte le attività legate alla vendita.

Così, a titolo di esempio, posto che l’agente commerciale deve fungere da effettivo intermediario tra il cliente e il preponente, non sarà sufficiente che un soggetto effettui una mera prestazione di servizi commerciali o promozionali al fine di essere qualificato quale un “agente commerciale”.

Nell’affermare ciò, la Corte EFTA ha concluso chiarendo che non è tuttavia possibile elencare tutti i fatti rilevanti per valutare se il termine “negoziazione” sia ogni volta soddisfatto; spetterà, in altre parole, al giudice nazionale tenere conto di tutte le circostanze del caso concreto, sulla base dell’accordo tra le parti e delle attività concretamente svolte.

Resta da vedere quale sarà l’ultimo capitolo di questa intricata vicenda, ossia come la Corte suprema norvegese dirimerà definitivamente la controversia sulla base dell’interpretazione data dalla Corte EFTA.

#agenziacommerciale #agentecommerciale #agenziacommercialeNorvegia #indennitàdifinerapporto #contratticommerciali #contenziosocommerciale

Condividi su:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Marcello

Buonasera, grazie per la sua richiesta. Per richiedere una consulenza deve inviare un'email con il suo quesito, allegando il contratto e ogni altro documento rilevante (ad esempio scambio di email) a [email protected] forniremo un preventivo una volta ottenuto il suo consenso al trattamento dei dati personali al fine dell'evasione della richiesta. cordiali saluti La segreteria

VAI AL COMMENTO
Matteo

Salve, Ho depositato una SECONDA versione di un mio brano, insieme ad un'altra persona, che (nel deposito stesso, da parte mia su Soundreef, da parte sua su Siae) figura come arrangiatore. Io, sempre come autore e compositore. Nei rispettivi depositi le percentuali su DEM e DRM sono così suddivise: 60% io 40% lui. La persona che doveva figurare come arrangiatore, mi ha girato il "contratto di distribuzione" della MgM (in cui invece, inaspettatamente, figura come etichetta discografica). Fino a dove arrivo a capire in ambito legale, leggendo il contratto ci sono diverse cose che, a mio avviso, non tornano. Volevo sapere come fare per richiedere una consulenza da parte vostra. Grazie in anticipo. Matteo.

VAI AL COMMENTO
Marcello

Temo che lei non abbia inquadrato correttamente la questione dal punto di vista giuridico.Saremo lieti di fornirle un preventivo per erogare una consulenza alla luce dell'esame del contratto, della corrispondenza intercorsa e della legge applicabile.Nel caso intenda richiedere un preventivo può scrivere a [email protected] esponendo i suoi quesiti. cordiali saluti

VAI AL COMMENTO
gabriele

per quanto riguarda i 3 months notice ricevuta (avevo chiesto 6 mesi di preavviso, essendo agente esclusivo per l'Italia da 18 anni)mi e' stata negata, nonostante anche l'Inghilterra abbia sottofirmato gli accordi Europei, mi hanno risposto che fa fede la corte inglese che prevede comunque non piu' di 3 mesi. Mi vedo costretto ad accettare, non potendo chiaramente accollarmi delle spese di un legale che operi in Inghilterra. Ma quello che desidero essere certo,e' che con la data della notifica di disdetta inviatami, sia certo che io sono loro agente x i tre mesi rimanenti e la mandante non puo'personalmente o con un nuovo agente operare sul territorio Italiano prima dello scadere dei 3 mesi. Ad esempio ,contattare i miei clienti e programmare una campagna vendite.

VAI AL COMMENTO
Marcello

La risposta precedente era generica e a titolo di cortesia. Come potrà comprendere non possiamo fornire una consulenza senza aver studiato il caso.

VAI AL COMMENTO

Seguici su