Più facile vendere a imprese saudite: il Regno aderisce alla convenzione sulla vendita internazionale

Marcello Mantelli
Avvocato in Milano e Torino


Lo scorso 3 agosto l’Arabia Saudita ha ratificato la Convenzione delle Nazioni Unite sui Contratti per la Vendita Internazionale di Merci (Vienna, 1980, la “Convenzione”).

Il Regno ha così aderito alle regole comuni internazionali sulla vendita di merci B2B tra imprese con sede in stati diversi, con conseguente semplificazione degli scambi commerciali e riduzione dei costi delle transazioni con il resto del mondo.

La Convenzione è stata ratificata finora da novantasette paesi, tra i quali quelli più industrializzati dove hanno sede i principali clienti e fornitori delle imprese italiane. Oltre all’Italia, si annoverano quasi tutti gli altri stati membri dell’UE (con l’eccezione di Malta e Irlanda) e, ad esempio, Stati Uniti, Canada, Brasile, Russia, Giappone, Cina e Corea (ma non il Regno Unito e l’India).

La Convenzione entrerà in vigore per il Regno dal 1° settembre 2024 limitatamente alla parte prima e seconda che riguardano rispettivamente i casi in cui si applica e le modalità di formazione del contratto di vendita.

Rilevano nella parte prima l’applicazione automatica della Convenzione ai contratti di vendita internazionale, salvo diverso patto, e l’obbligo degli operatori giuridici di interpretarla tenendo conto del suo carattere internazionale, della necessità di promuovere l’uniformità della sua applicazione e di assicurare il rispetto della buona fede nel commercio internazionale (art.7).

Si noti che ciò ha comportato la formazione di una consolidata giurisprudenza internazionale sulla Convenzione, alla quale anche i giudici sauditi dovranno fare riferimento e che contribuiranno a formare. La parte seconda riguarda invece le fondamentali regole sul perfezionamento del contratto di vendita; ad esempio all’art.19 viene regolato il tipico caso della conferma d’ordine dal venditore accettata dal compratore arrecando modifiche che spesso assume il valore di controproposta.

Per quanto riguarda invece la parte core della Convenzione, che è la parte terza, il Regno ha formulato una riserva scegliendo di non applicarla: in sostanza gli obblighi del venditore e del compratore (inadempimento essenziale, consegna, conformità della merce, rischio di viaggio della merce, prezzo e rimedi comuni in caso di inadempimento) non saranno applicati dall’Arabia Saudita, salvi futuri sviluppi. Ma non poteva essere diversamente: nella parte terza sono contenute le norme sull’applicazione degli interessi in caso di ritardo nel pagamento del prezzo della merce che sono ritenute illecite dalla sharia a causa del divieto di riba (interessi moratori).

La società musulmana è ispirata a criteri di solidarietà sociale ma anche alla libera iniziativa imprenditoriale, non è dunque escluso che la questione in futuro possa essere superata. L’adesione del Kingdom alla Convenzione rappresenta dunque un notevole passo avanti nella modernizzazione del sistema giuridico saudita che si colloca nel contesto delle numerose riforme avviate in tal senso negli ultimi anni al fine di incoraggiare gli investimenti e i commerci.

Il Regno era infatti già membro dal 1994 della convenzione di New York del 1958 sul riconoscimento ed esecuzione dei lodi arbitrali internazionali. Dal 2020 ha poi emanato la Commercial Courts Law che dovrebbe portare ad una maggiore efficienza e trasparenza del sistema in materia di risoluzione delle controversie, sebbene un contratto appropriato rimarrà comunque lo strumento fondamentale di lavoro per operare con i partners locali.    

Condividi su:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Marcello

Temo che lei non abbia inquadrato correttamente la questione dal punto di vista giuridico.Saremo lieti di fornirle un preventivo per erogare una consulenza alla luce dell'esame del contratto, della corrispondenza intercorsa e della legge applicabile.Nel caso intenda richiedere un preventivo può scrivere a [email protected] esponendo i suoi quesiti. cordiali saluti

VAI AL COMMENTO
gabriele

per quanto riguarda i 3 months notice ricevuta (avevo chiesto 6 mesi di preavviso, essendo agente esclusivo per l'Italia da 18 anni)mi e' stata negata, nonostante anche l'Inghilterra abbia sottofirmato gli accordi Europei, mi hanno risposto che fa fede la corte inglese che prevede comunque non piu' di 3 mesi. Mi vedo costretto ad accettare, non potendo chiaramente accollarmi delle spese di un legale che operi in Inghilterra. Ma quello che desidero essere certo,e' che con la data della notifica di disdetta inviatami, sia certo che io sono loro agente x i tre mesi rimanenti e la mandante non puo'personalmente o con un nuovo agente operare sul territorio Italiano prima dello scadere dei 3 mesi. Ad esempio ,contattare i miei clienti e programmare una campagna vendite.

VAI AL COMMENTO
Marcello

La risposta precedente era generica e a titolo di cortesia. Come potrà comprendere non possiamo fornire una consulenza senza aver studiato il caso.

VAI AL COMMENTO
gabriele

Quindi, se io non accetto una dilazione dell'indennita' dovuta ed accettata , la legge inglese prevede che la mandante mi debba liquidare in un'unica soluzione?

VAI AL COMMENTO
Marcello

Buongiorno, in linea di principio il pagamento dell'indennità, se legalmente dovuta, dovrebbe essere effettuato in un' unica soluzione ma le parti possono concordare diversamente. cordiali saluti Marcello Mantelli

VAI AL COMMENTO

Seguici su