Smart contracts: natura giuridica e applicabilità ai rapporti commerciali

Marcello Mantelli
Avvocato in Milano e Torino

Lo smart contract consiste in un software, ossia un protocollo informatico già programmato per realizzare automaticamente dei contratti mediante la tecnologia blockchain.

Sebbene l’Italia sia uno dei pochi Paesi al mondo ad aver fornito per la prima volta una definizione di smart contract (contenuta all’interno del Decreto Semplificazioni, art. 8-ter comma 2), rimangono molte le criticità da affrontare, prima di tutto con riguardo alla natura giuridica del contratto in esame.

In base a quanto stabilito dall’art. 8-ter citato, “si definisce “smart contract” un programma per elaboratore che opera su tecnologie basate su registri distribuiti e la cui esecuzione vincola automaticamente due o più parti sulla base di effetti predefiniti dalle stesse. […].

La principale discussione, interamente dottrinale, verte quindi sulla qualificazione dello smart contract, individuato talvolta quale un contratto misto composto da una parte informatica (smart contract code) e una parte giuridica (smart legal contract), talvolta quale un contratto ad oggetto virtuale, o ancora quale un contratto cibernetico.

Alla base di tali ipotesi, la struttura dello smart contract vede le parti contrattuali ricorrere all’utilizzo di tale strumento per regolare rapporti i cui effetti vengono proiettati nel futuro, ossia nel momento in cui lo smart contract verrà eseguito.

Tuttavia, un’ulteriore distinzione va fatta con riguardo agli smart contracts che danno esecuzione ad un accordo già concluso in precedenza tra le parti e gli smart contracts che viceversa regolano il rapporto da zero, costituendo quindi un contratto vero e proprio.

Nel secondo caso, infatti, va tenuto a mente che lo smart contract è interamente scritto in linguaggio informatico, il quale può essere compreso solo da tecnici esperti del settore e – soprattutto – non permette di esprimere elaborati concetti giuridici, quali ad esempio eventuali clausole specifiche soggette ad un’interpretazione più flessibile.

In altre parole, quindi, nell’approcciarsi ad una forma di tecnologia indubbiamente attrattiva e ricca di vantaggi, vanno considerati anche gli aspetti più problematici legati a tale strumento. Una valida soluzione risiede certamente nel farsi assistere nella redazione dello smart contract da parte di un consulente informatico esperto in materia.

Inoltre, un’altra buona prassi può essere quella di procedere alla redazione di un duplice documento: da un lato, lo smart contract in linguaggio informatico così come prospettato; dall’altro, un contratto tradizionale avente il fine non soltanto di ribadire quanto espresso mediante smart contract, ma anche di prevedere clausole specifiche che regolino quanto non facilmente prospettabile mediante linguaggio informatico.

In questo modo risulta possibile rimanere al passo con lo sviluppo tecnologico, senza rinunciare ad una tutela giuridica effettiva e ad uno strumento sicuro per entrambe le parti e per il rapporto commerciale instaurato.

#smartcontract #dirittonuovetecnologie #contrattionline #blockchain #digitallaw #contrattiinternazionali #commerciointernazionale #venditainternazionale #fareaffariinsicurezza

Condividi su:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Marcello

Temo che lei non abbia inquadrato correttamente la questione dal punto di vista giuridico.Saremo lieti di fornirle un preventivo per erogare una consulenza alla luce dell'esame del contratto, della corrispondenza intercorsa e della legge applicabile.Nel caso intenda richiedere un preventivo può scrivere a [email protected] esponendo i suoi quesiti. cordiali saluti

VAI AL COMMENTO
gabriele

per quanto riguarda i 3 months notice ricevuta (avevo chiesto 6 mesi di preavviso, essendo agente esclusivo per l'Italia da 18 anni)mi e' stata negata, nonostante anche l'Inghilterra abbia sottofirmato gli accordi Europei, mi hanno risposto che fa fede la corte inglese che prevede comunque non piu' di 3 mesi. Mi vedo costretto ad accettare, non potendo chiaramente accollarmi delle spese di un legale che operi in Inghilterra. Ma quello che desidero essere certo,e' che con la data della notifica di disdetta inviatami, sia certo che io sono loro agente x i tre mesi rimanenti e la mandante non puo'personalmente o con un nuovo agente operare sul territorio Italiano prima dello scadere dei 3 mesi. Ad esempio ,contattare i miei clienti e programmare una campagna vendite.

VAI AL COMMENTO
Marcello

La risposta precedente era generica e a titolo di cortesia. Come potrà comprendere non possiamo fornire una consulenza senza aver studiato il caso.

VAI AL COMMENTO
gabriele

Quindi, se io non accetto una dilazione dell'indennita' dovuta ed accettata , la legge inglese prevede che la mandante mi debba liquidare in un'unica soluzione?

VAI AL COMMENTO
Marcello

Buongiorno, in linea di principio il pagamento dell'indennità, se legalmente dovuta, dovrebbe essere effettuato in un' unica soluzione ma le parti possono concordare diversamente. cordiali saluti Marcello Mantelli

VAI AL COMMENTO

Seguici su