Vendita on-line: nuove regole a protezione dei consumatori

Marcello Mantelli
Avvocato in Milano e Torino


A partire dal 2 aprile 2023 sono in vigore le nuove regole a protezione dei consumatori nell’ambito della vendita on-line descritte nel D. Lgs. n. 26/2023 che modifica il c.d. “Codice del consumo” in attuazione della direttiva europea 2019/2161.

Vediamo le principali novità. 

Il nuovo decreto interviene sulle norme che disciplinano i contratti on-line ed introduce nuove ipotesi di pratiche commerciali ingannevoli, oltre a nuovi rimedi a disposizione del consumatore.

Tra le nuove pratiche commerciali ingannevoli si annovera il c.d. Dual Quality, fattispecie comunemente realizzata nel settore agroalimentare attraverso la promozione di un bene, in uno Stato membro, identificato come identico ad un bene commercializzato in altri Stati membri, sebbene significativamente diverso per composizione o caratteristiche.  La pratica ingannevole si sostanzia nel commercializzare prodotti differenti che presentano tra di loro uguale marca e packaging, tanto da sembrare assolutamente identici, ma diversa qualità.

Sono inoltre introdotti nuovi oneri a carico del venditore on-line tra cui:

l’obbligo di specificare in modo trasparente le modalità di presentazione dei risultati di ricerca online di cui il venditore usufruisce: il consumatore deve infatti essere posto nella condizione di comprendere se il venditore si avvale di un posizionamento privilegiato nelle ricerche (es. con annunci in evidenza) o se si avvale di modalità di profilazione del consumatore che possano risultare determinanti per l’opzione di acquisto;

obbligo di fornire adeguate informazioni sulla provenienza delle recensioni online per arginare il rischio di manipolazione di recensioni dirette ad orientare la scelta dei consumatori mediante una distorsione dell’immagine del prodotto;

divieto di rivendere biglietti per eventi acquistati mediante strumenti automatizzati, elusivi del limite numerico di biglietti acquistabili;

obbligo di comunicare al pubblico il ribasso di un prezzo annunciando contestualmente il prezzo applicato nei 30 giorni antecedenti l’applicazione dello sconto per verificarne la veridicità.

In caso di elusione di tali obblighi al venditore può essere comminata una sanzione massima irrogabile fino al 4% del fatturato annuo ovunque realizzato nell’Unione europea o, in assenza, sino a 2.000.000 di euro nel caso delle sanzioni inflitte nei confronti dell’operatore responsabile di infrazioni diffuse nel territorio dell’Unione. Tale sanzione potrà essere determinata in base ai seguenti parametri:  

a) natura, gravità, entità e durata della violazione;

b) eventuali rimedi esperiti dal professionista; 

c) eventuali violazioni commesse in precedenza; 

d) benefici economici conseguiti; 

e) sanzioni già inflitte in altri Stati membri per la medesima violazione; 

f) eventuali fattori aggravanti o attenuanti applicabili al caso concreto.

Infine, a completamento delle tutele predisposte per il consumatore, si annovera la neo introdotta possibilità per il consumatore di adire il giudice ordinario al fine di ottenere tutti i rimedi adeguati al ristoro delle conseguenze derivanti dalla pratica commerciale scorretta, ivi incluso il risarcimento del danno e, ove applicabile, la riduzione del prezzo.


Condividi su:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Marcello

Buongiorno, non si tratta di mobbing ma appare piuttosto una violazione dell'esclusiva dell'agente.Occorre esaminare il contratto e individuare la legge applicabile per verificare il perimetro dell'esclusiva.Può scrivere direttamente al nostro indirizzo email [email protected]

VAI AL COMMENTO
Felice

interessante, e se fosse la mandante tedesca a fare mobbing in svariate forme x ostacolare un agente esclusiva italiano settore industria ( acciaio)da 30anni. piazzandogli un distributore nel paese all improvviso.?

VAI AL COMMENTO
Felice zanellini

interessante, e se fosse la mandante tedesca a fare mobbing in svariate forme x ostacolare un agente esclusiva italiano settore industria ( acciaio)da 30anni. piazzandogli un distributore nel paese all improvviso.?

VAI AL COMMENTO
Mantelli Davini Avvocati Associati

Buongiorno, grazie per la sua richiesta. Non disponiamo di modelli generali di contratto. Tutti i contratti sono realizzati su misura caso per caso per la migliore tutela del cliente, dato che le situazioni giuridiche variano da caso a caso.

VAI AL COMMENTO
Mario

Avete un facsimile di accordo tra Distributore/etichetta e Artista ? Se si, vorrei leggerlo. Grazie, saluti. Mario Comendulli [email protected]

VAI AL COMMENTO

Seguici su